in

Stiratura alla cheratina: come funziona e perché farla

La stiratura alla cheratina, un sogno per tutte quelle donne che desiderano una chioma liscia e luminosa.

Stiratura alla cheratina
stock.adobe.com

La cheratina è una proteina prodotta dal nostro organismo in diverse zone del corpo: unghie, pelle, capelli. Qui questa sostanza è molto importante, come quella di svolgere, insieme alle molecole di collagene, importanti e numerose funzioni: per esempio l’elasticità nella pelle, impermeabilizzazione, la resistenza e la robustezza nei capelli e nelle unghie. La sua importanza ha diffuso la moda di molti prodotti: come maschere, shampoo, balsami e sieri per i capelli promossi da diversi noti brand del mondo della bellezza e dei parrucchieri.

I vantaggi della stiratura alla cheratina sono evidenti. Ma come funziona esattamente? È davvero così vantaggioso? Perché? La stiratura dei capelli fatta con la cheratina è semplicemente una stiratura che utilizza il potere lisciante della cheratina, una sostanza che rende anche la chioma morbida e luminosa. A differenza del sistema di stiratura chimico, questo modo di lissage non distrugge o altera i legami che sono presenti nella cheratina del capello, ma vi si sovrappone, creando nuovi legami. L’aggressività sulla capigliatura e sulla cute è quindi meno aggressiva e contemporaneamente rinforza anche i capelli.

Il procedimento non è affatto breve, esso richiede altresì qualche ora, ma vedrete che il risultato sarà eccellente, finalmente i vostri capelli saranno degli splendidi spaghetti lisci! Per qualche mese, almeno 3 mesi, non vi dovrete più preoccupare di armarvi di piastra e phon. La seduta di lisciatura con la cheratina inizia con l’applicazione su tutta la chioma della cheratina liquida brasiliana, o cheratina idrolizzata, la più diffusa. Essa usa il calore termico per favorire che la proteina del capello unisca le punte dei capelli. Una volta terminata l’applicazione si prosegue con l’asciugatura della chioma con il phon e ritoccando anche infine con la piastra, per fissare bene la cheratina sul capello. Si prosegue poi facendo l’abituale piega.

Naturale o no?

Molti sono coloro che criticano i trattamenti alla cheratina, poiché sostengono che da sola non dia risultati duraturi. Molte volte chi effettua quel tipo di trattamento è convinto che sia naturale al 100%, ma in realtà fra le componenti c’è la formaldeide, vera autrice della lisciatura e sostanza chimica sintetica. Con questo non vogliamo dire che la sola cheratina non funzioni, ama solamente che è più diffusa quella con questa sostanza al suo interno. Il trattamento con la cheratina senza formaldeide permette un risultato effettivo, ma di solito meno duratura.

I due tipi di cheratina che vengono usati in associazione sono la cheratina umana, ovvero procurata dai capelli umani, e la cheratina botanica, di origine vegetale. La prima tipologia penetra nella cuticola del capello, la seconda forma uno strato al di sopra di questa. Il risultato è quindi saturo di questa sostanza, dentro ma anche fuori. In commercio è comunque possibile trovare altri tipi di cheratina, con o senza formaldeide: come la cheratina idrolizzata, quella liquida brasiliana, la cheratina al ciocolato, la nanocheratina.

Trattamento alla cheratina a casa

Trattamento stiratura alla cheratina – stock.adobe.com

Il trattamento lissage alla cheratina è anche possibile realizzarlo a casa: ha il vantaggio di costare molto meno, ma in compenso dura al massimo 30-45 giorni, quindi la metà di quello eseguito professionalmente ma senza una sicurezza 100%. La cheratina liquida si può acquistare in negozi specializzati a un terzo del prezzo che vi costerebbe in salone.

  • A casa, inizia lavando i capelli utilizzando un prodotto apposito: uno shampoo capace di eliminare i residui e tutte le sostanze oleose sui capelli.
  • A questo punto separa i capelli in piccole zone e applica la cheratina liquida zona per zona, su tutta la chioma. Una spiegazione a immagine, sarà sicuramente contenuta nella confezione stessa della cheratina. Non cercare di velocizzare il processo prendendo ciocche troppo grande perché puoi compromettere la riuscita del lissing. Procedi a ciocche piccole, piuttosto aiutandoti con delle mollette per tenere da parte i capelli che non stai lavorando. Di solito si parte dal basso, dalla nuca: dalle radici alle punte.
  • Dopo aver pettinato i capelli con un pettine a denti sottili, per distribuire al meglio la sostanza, lascia in posa il tutto per 30 minuti, attenta a mettere un asciugamano sulle spalle per non sporcare gli abiti.
  • Fatto questo prosegui asciugando i capelli bene, eliminando bene l’umidità. Spazzola di continuo, così sarai sicura che i capelli si asciugheranno lisci.
  • Stira i capelli anche con la piastra calda di ceramica, servirà a fissare bene la cheratina. Per non dimenticare pezzi di chioma, puoi dividere di nuovo i capelli in zone.

Non lavare i capelli per almeno 48 ore. In linea generale possiamo dire che più aspetterai, più avrà effetto il trattamento. Prima di applicare il prodotto su tutta la capigliatura, di solito si consiglia di fare un test: metti un po’ di prodotto su una ciocca dietro la testa, in basso, dove eventuali danni non si notano. Verifica se c’è qualche effetto collaterale sulla pelle. Se hai qualche reazione strana, interrompi il trattamento subito. Se invece è tutto nella norma, puoi proseguire con il procedimento.

La cheratina liquida è possibile acquistarla in negozi professionali. Leggi bene le etichette facendo attenzione ad escludere i prodotti contenenti formaldeide, dannosa per la chioma. È difficile che trovi il prodotto direttamente dal parrucchiere, perché va contro i suoi interessi spingere i suoi clienti al fai da te. Se non hai negozi vicino a te che possono avere questo prodotti, cerca su internet, ve ne sono diverse marche e di differenti prezzi. Per fare il trattamento a casa non è richiesto necessariamente l’utilizzo di guanti a protezione delle mani, la cheratina, infatti, è una proteina naturale.

Tutti contro la stiratura giapponese

Il metodo di stiratura giapponese è in grado di trasformare chiome ricce in seducenti capelli lisci, con un mantenimento a livello minimo. Il processo attacca bene la cuticola del capello con l’aiuto del calore e della cheratina. La stiratura giapponese è un procedimento molto discusso, seppure efficace, di fare il lissing ai capelli, poiché si tratta di una soluzione chimica aggressiva. A differenza di altre tipologie tuttavia, questa è possibile farla su tutti, tutti i capelli, anche quelli colorati e quelli molto sottili. L’utilizzo di sostanze chimiche in questo caso è consigliato avvenga da parte di una persona esperta, perché altrimenti si rischia davvero grosso, danneggiando i capelli irrimediabilmente.

La stiratura giapponese però può essere per sempre. Questo tipo di stiratura dei capelli è anche denominata “stiratura termale” ed è in grado di garantire dei risultati davvero efficaci e duraturi. I capelli risultano nettamente dritti, brillanti e setosi. L’increspamento viene decisamente ridotto o eliminato e anche coloro per i quali la cheratina non è bastata saranno finalmente contenti dei loro capelli lisci. Come la stiratura alla cheratina, anche quella giapponese richiede diverse ore con calore e processi chimici. Una variante di questo tipo di stiratura è la bio ionic, originariamente di Los Angeles, anche reversibile, ovvero eliminabile se si desidera tornare alle condizioni iniziali.

Ultima novità nella stiratura dei capelli: la taninoplastia

L’ultima novità riguardo al desiderio di lisciare i capelli è la taninoplastia, ovvero un trattamento a base di tannino, una delle sostanze di origine 100% vegetale derivate dalla buccia dell’uva, del castagno, della quercia e che sono in grado di associarsi alle proteine degli animali. Quest’ultima qualità è proprio il motivo delle capacità liscianti, idratanti, ricostituenti di questa sostanza. Promosso inizialmente dalla Salvatore Cosmeticos, questo prodotto è privo di formaldeide, di carbocistina e di detergenti dannosi ed è compatibile con tutte le tipologie di capelli. Non sono fino ad ora conosciuti effetti collaterali, né sulla cute, né sulla pelle.

Il tannino agisce andando a lisciare il capello per ben 3 mesi, dopo essere stato attivato dal calore. Esso riesce a stirare il capello e a nutrirlo in profondità, eliminando i ricci e l’aridità delle punte. Rispetto ad altri prodotti, questo ha la caratteristica di non impermeabilizzare il capello e di non cambiarne la struttura. Proprio per questo motivo ha il vantaggio di non rovinare in alcun modo i capelli. Questa sostanza di origine vegetale contiene 19 tipi di amminoacidi, alcune proteine della seta, cheratina naturale, collagene biologico, estratti come guaranà, frutta rossa, vitamine, olio di Macadamia, siliconi botanici e null’altro che non sia vegetale al 100%. Il fatto che non sia di derivazione chimica permette anche più ripetizioni.

Il tannino ha la capacità di agire dall’interno. Esso penetra nel capello e va a nutrire e a riempire il capello, unendo le molecole e dandogli nuova forma: quella liscia. Questo grazie alla costruzione di nuove catene di proteine a partire dal calore della piastra. Il prodotto è possibile acquistarlo in negozi specializzati, oppure online, per fare il trattamento direttamente a casa, spendendo anche meno. Questa tecnica oltretutto, essendo abbastanza nuova, è possibile che il vostro parrucchiere non la conosca: in altri paesi d’Europa è già utilizzatissima, ma in Italia siamo appena all’inizio.

Il trattamento lisciante con la taninoplastia si fa bagnando i capelli e lavandoli con uno shampoo forte. Risciacquare bene poi, non spiegazzando troppo la chioma. Applicare poi la sostanza a base di tannino, partendo dalle radici e andando verso le punte, allineando spesso i capelli con un pettine a denti fini, eliminando grumi di crema. Spazzolare una ventina di volte i capelli dall’alto verso il basso. Lisciare ora i capelli con la piastra a 180-200°. Su ogni ciocca, la piastra va passata una decina di volte, per attivare il tannino, insistendo in particolare sulle punte. Quando dalla piastra smette l’uscita di vapore, vuol dire che i capelli sono asciutti e che il trattamento è concluso. I capelli saranno lisci e ristrutturati.

nuovo trend capelli estate

Il nuovo trend capelli estate 2021: l’effetto sole sta facendo impazzire proprio tutte!

Tagli corti pratici over 50

Tagli corti pratici over 50: 4 idee da prendere in considerazione