in

Perché alcuni cosmetici provocano allergie?

Sappiamo che i cosmetici sono prodotti che vengono applicate su superfici esterne e delicate del corpo, per questo è importante conoscere cosa c’è all’interno.

cosmetici
stock.adobe.com

Alcuni cosmetici, soprattutto se vengono acquistati su Internet, non hanno un elenco degli ingredienti sull’etichetta o nel foglietto illustrativo. Al contrario delle confezioni alimentari, dove invece compare obbligatoriamente.

In realtà alcuni cosmetici lo includono, ma spesso sono le informazioni sono incomplete. Inoltre, il prezzo di alcune creme è effettivamente irrisorio. Pertanto, in caso di allergie, è difficile trovare la causa. La mancanza di istruzioni sull’etichetta è una grave restrizione e la pagano gli acquirenti che dovrebbero acquistare con più cautela. Ecco perché alcuni cosmetici provocano allergie sulla pelle. Ci sono in giro tanti cosmetici che provocano allergie di fronte alle quali nemmeno i dermatologi sanno fornire risposte esaurienti.

Per prima cosa è importante controllare che l’etichetta contenga la lista di tutti ingredienti del prodotto. Le sostanze che sono contenute nel prodotto devono essere indicate sull’etichetta usando la nomenclatura INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), creata appositamente, ed è valida per tutti i Paesi Europei.

Sulle etichette ci devono essere prima i componenti contenuti in quantità maggiore e via via gli altri, fino a quelli presenti anche al di sotto dell’1%. Questi ultimi possono essere indicati anche in ordine sparso.

Alcuni prodotti non indicano la presenza di piccole quantità di aromatizzanti e odoranti e devono essere indicati con il termine sapore o aroma. Gli shampoo alla mela venduti in questo modo dovrebbero riportare la percentuale di mele o aromi presenti. Si devono segnalare le sostanze autorizzate limitate nell’uso ai sensi delle normative europee. Si devono includere tutti gli ingredienti sotto forma di nano-materiali.

Quali sono i cosmetici che creano più problemi

I cosmetici più problematici sono quelli che contengono coloranti, come autoabbronzanti, coloranti per sopracciglia o tinture per capelli. Oppure quelli a base di erbe o altre sostanze, come la propoli delle api. In questi casi, è difficile identificare l’allergene, perché la contaminazione esterna del medicinale a base di erbe può essere molto ampia e incontrollabile, quindi non può essere identificata.

Da questo punto di vista, i cosmetici sintetici sono preferiti perché contengono meno contaminanti.

caschetto della stagione corto dietro

Il caschetto della stagione: è davvero difficile resistergli!

Capelli primavera 2021

Capelli primavera 2021: le tre tinte pastello da provare assolutamente!