in

Olio di ricino per ciglia: consigli, trucchi, idee

Tutte le donne vorrebbero avere delle ciglia lunghe e folte. Per riuscire in questa impresa è ovviamente possibile utilizzare un mascara.

Olio di ricino per ciglia
stock.adobe.com

Abbiamo visto nel dettaglio come mai l’olio di ricino è tanto prezioso per la salute di capelli e ciglia. Vi abbiamo spiegato come si utilizza e quali sono pe sue proprietà benefiche. Adessp, vogliamo offrirvi un approfondimento su cos’è l’olio di ricino. Dovete sapere che si ottiene dai semi della Ricinus Communis. Questa pianta è piuttosto comune in India, ed è l’unica specie del genere Ricinus. Dal punto di vista etimologico c’è una curiosità. Ricinus tradotto dal latino vuol dire Zecca, la pianta infatti è stata chiamata in questo modo perché i semi usati per la realizzazione dell’olio, assomigliano al parassita.

Questa pianta erbacea può essere annua o perenne in base alla condizione climatica. In Africa, il suo paese d’origine, raggiunge anche i 10 metri. Lo si trova comunque in molte altre zone del mondo, dove il clima lo permette. Non è difficile da coltivare, la cosa importante è che il suolo sia ricco e ben drenato, mantenendo un’esposizione al sole o comunque a mezz’ombra. Ha un colore giallo paglierino, è denso e molto vischioso. Non gela mai neanche a temperature molto basse. Non ha un buon odore e tanto meno un buon sapore.

L’olio di ricino oggi è conosciuto soprattutto per gli effetti lassativi. Tuttavia al suo interno c’è la ricina, una pianta tossica se assunta per bocca o inalata. Tuttavia a contatto non sembra dare effetti collaterali. Proprio per questo motivo l’olio di ricino, anche a scopo lassativo, non deve essere assunto per periodi lunghi e va preso solo in piccole dosi. Per uso interno sembra essere sicuro un cucchiaio da tavola in un giorno. Chiaramente questa è solo una curiosità, se desiderate usare l’olio di ricino in questo senso, dovete necessariamente chiedere al medico. Le controindicazioni sono molto serie. Può irritare l’intestino, specialmente a coloro che soffrono di colite, diverticolite ed emorroidi.

In commercio dopotutto ne sono disponibili così tante versioni allunganti, incurvanti, volumizzanti!

Se si vuole avere delle ciglia splendide anche al naturale, è invece possibile sfruttare il potere dell’olio di ricino, un olio di origine vegetale ottenuto dai semi della pianta di ricino. Ricco di vitamina E e di altre sostanze nutritive, consente di far crescere le ciglia molto più velocemente e di renderle applicazione dopo applicazione sempre più forti, proprio per questo motivo anche più folte.

Olio di ricino per ciglia: tutto quello che c’è da sapere

L’olio di ricino deve poter penetrare nelle ciglia in modo impeccabile. Proprio per questo motivo è importante che le ciglia siano state struccate. Non deve essere presente neanche la più piccola particella di make up. A questo punto è possibile applicare l’olio di ricino sulle ciglia. L’olio di ricino deve essere applicato in piccole dosi. Proprio per questo motivo si sconsiglia di utilizzare le dita. Meglio utilizzare un cotton fioc oppure un vecchio scovolino del mascara, debitamente pulito ovviamente.

L’olio di ricino sulle ciglia può essere utilizzato in purezza, oppure mescolato insieme ad altri oli di origine vegetale. La cosa importante è che ogni ingrediente che entra in gioco sia puro, privo quindi nella composizione di qualsivoglia altra sostanze, preferibilmente spremuto a freddo dato che così ogni elemento nutritivo è preservato.

È importante evitare di far entrare in contatto l’occhio con l’olio di ricino. Potrebbe infatti bruciare leggermente, piccolo fastidio che può comunque essere eliminato in modo semplice e veloce sciacquando l’occhio sotto l’acqua corrente del rubinetto. L’olio di ricino deve essere lasciato in posa per tutta la notte. Al mattino appena svegli è poi necessario lavare il viso in modo intenso, così da eliminare ogni traccia di olio.

L’applicazione dell’olio deve essere costante nel corso del tempo. Deve quindi essere applicato tutte le sere, senza alcuna eccezione.

Olio di ricino per ciglia: ecco tutti i risultati

È possibile notare le prime avvisaglie di un miglioramento già dopo un paio di settimane, ma è solo dopo qualche mese, di solito 6 mesi, che è possibile raggiungere l’obiettivo desiderato.

Le ciglia dopo qualche mese sono molto più lunghe di quanto non fossero un tempo e sono più incurvate. Si vede a prima vista che sono anche più sane e forti. Le ciglia quindi non cadono più, non sono sottili, né delicate o fragili. Anche senza truccare gli occhi, ecco che lo sguardo appare molto più bello e penetrante, profondo.

Olio di ricino per ciglia e make up

Grazie all’olio di ricino le ciglia sono molto più belle e forti, lunghe e incurvate. Anche al naturale sono semplicemente bellissime! Nulla vieta però di truccarle. Noterai che a differenza di un tempo basta una sola passata di mascara per riuscire ad ottenere delle ciglia da vera star hollywoodiana. Il piegaciglia non è più necessario, lo puoi riporre in un cassetto a prendere polvere.

Per ottenere un look semplicemente sensazionale, ti ricordiamo che è importante scegliere un mascara ad hoc, incurvante e volumizzante. Ne sono disponibili in commercio anche delle versioni che hanno una piccola percentuale di olio di ricino al loro interno. Sono da prediligersi se vuoi mantenere a lungo nel tempo l’effetto che hai ottenuto. Puoi per anche optare per degli ombretti che valorizzano la forma dei tuoi occhi e il colore. Online trovi tanti tutorial make up da seguire!

Altri utilizzi a livello estetico

L’olio di ricino per ciglia e capelli è molto valido, tuttavia può essere usato anche per risolvere alcune specifiche problematiche della pelle. Agisce in modo ottimale ad esempio sull’acne, riesce a contrastare micosi e dermatiti. Gli studi hanno messo in evidenza che possiede anche un potere antibatterico, per questo motivo aiuta a risolvere i problemi della pelle come le infezioni. Allo stesso tempo idrata, proteggendo la cute e riducendo anche l’uscita di liquidi.

Uno dei principali problemi dell’olio di ricino è probabilmente quello della difficoltà a spalmarlo. Perciò vi consigliamo di unirlo all’olio di mandorle dolci, che lo rende meno vischioso. Se poi non riuscite proprio a tollerare l’odore dell’olio di ricino, potete tranquillamente unire alcune gocce della vostra essenza preferita.

Potete usarlo anche per realizzare degli impacchi per le unghie. Può essere usato infatti per contrastare le infezioni da funghi, cioè le onicomicosi. Potete usarlo anche per le verruche.

L’olio di ricino resta comunque un ottimo alleato dei capelli, perché gli ammorbidisce ed è utile quando sono sfibrati e secchi. Aiuta anche a prevenire la formazione delle doppie punte, portando allo stesso tempo ad un maggior equilibrio sul sebo.

Controindicazioni dell’olio di ricino

La principale controindicazione dell’olio di ricino è l’effetto lassativo. Quando fate un uso eccessivo di quest’olio, rischiate le irritazioni intestinali, in particolar modo se soffrite di disturbi allo stomaco. L’uso interno deve essere vegliato da un medico. Anche a livello cutaneo può dare anche reazione allergica, per questo motivo è bene prima di tutto provare una piccola quantità su una parte del corpo e vedere se vi sono reazioni.

Ombre hair sfumature

Ombre hair: le sfumature più hot del momento

Capelli scalati con frangia

Capelli scalati con frangia: tagli e idee